Lettera di numerosi intellettuali francesi al presidente del Tribunale di Roma sull'incriminazione di Fabbrini per "turbamento di funzione religiosa"

Da Serenoregis.
Versione del 24 feb 2022 alle 10:09 di Marco.labbate (discussione | contributi)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Jump to navigation Jump to search


Lettera di numerosi intellettuali francesi al presidente del Tribunale di Roma sull'incriminazione di Fabbrini per "turbamento di funzione religiosa"
Fondo/Fascicolo Movimento internazionale della riconciliazione (M.I.R.) Roma - addizione, UA MirRadd 487
Tags Alain Resnais, Albert Levy, André Maurois, Chiesa cattolica, Fabrizio Fabbrini, Frédéric Joliot-Curie, Jean Cassou, Jean-Paul Sartre, Pierre Cot, Roma, Vincent Auriol
Istituto conservatore Centro Studi Sereno Regis
Anno

1969

Mese N.D.
Numero di pagine 1
Tematiche Obiezione di coscienza al servizio militare, Libertà religiosa
Scarica il documento completoPdf-download-2617.png


Numerosi intellettuali e politici francesi, tra cui Sartre, intervengono in favore di Fabrizio Fabbrini con un messaggio al presidente del Tribunale di Roma. La lettera viene inoltrata in visto del processo di appello per "turbamento di funzione religiosa" previsto per l'aprile del 1969: un anno prima, ad aprile, Fabbrini aveva interrotto un sacerdote durante l'omelia, per aver accusato il popolo ebraico di deicidio. Dopo l'assoluzione in primo grado, in appello sarebbe stato condannato a due mesi.