Fascicolo relativo alla denuncia di 28 consiglieri di Reggio Emilia per la solidarietà espressa a don Lorenzo Milani

Da Serenoregis.
Versione del 25 feb 2022 alle 16:24 di Diciannove (discussione | contributi) (Sostituzione testo - "B. MirR 392" con "UA MirR 392")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Jump to navigation Jump to search


Fascicolo relativo alla denuncia di 28 consiglieri di Reggio Emilia per la solidarietà espressa a don Lorenzo Milani
Fondo/Fascicolo Movimento internazionale della riconciliazione (M.I.R.) Roma, UA MirR 392
Tags Lorenzo Milani, Movimento internazionale della riconciliazione, Reggio Emilia, Renzo Bonazzi, Comune di Reggio Emilia, Franco Boiardi
Istituto conservatore Centro Studi Sereno Regis
Anno

1971

Mese luglio
Numero di pagine 11
Tematiche Obiezione di coscienza al servizio militare
Scarica il documento completoPdf-download-2617.png


Il fascicolo riguarda la denuncia di 28 consiglieri della maggioranza del Comune di Reggio Emilia, composta da Pci, Psi e Psiup, denunciati per avere approvato un ordine del giorno a sostegno di don Milani per il processo intentato contro di lui per la lettera ai cappellani militari. Tra questi figurano il sindaco comunista Renzo Bonazzi e il deputato Franco Boiardi. Il fascicolo è composto da una lettera di Renzo Bonazzi, sindaco all'epoca dei fatti, che annuncia che la denuncia, dopo sei anni, è entrata nella fase istruttoria (7 luglio 1971); due copie dell'ordine del giorno in solidarietà con don Lorenzo, Milani del 21 dicembre 1965 adottata dal Consiglio comunale di Reggio Emilia, la deliberazione approvata nella seduta consiliare del 6 luglio 1971 dal nuovo Consiglio comunale in solidarietà con il precedente, la raccolta firma di solidarietà con i consiglieri denunciati effettuata dal M.I.R. (Movimento internazionale della riconciliazione) Roma e inviata alla Procura della Repubblica. I fogli sono contenuti in una busta marrone recante la scritta "Consiglieri regionali Reggio Emilia".